Tag Archive: italiano

Un robot italiano minaccia di mandare a casa migliaia di magazzinieri di Amazon

Un robot al posto del personale per preparare i pacchi di Amazon. Come anticipato da Reuters, il colosso dell’ecommerce ha iniziato ad utilizzare un macchinario prodotto dall’italiana Cmc di Città di Castello, in Umbria, in grado di fare i pacchi da spedire in maniera fino cinque volte più veloce rispetto ad un dipendente: 600-700 un’ora.

Amazon starebbe pensando di installare due di queste macchine in decine di suoi magazzini, licenziando almeno 24 persone in ciascun deposito. Ciò comporterebbe, stima Reuters, oltre 1.300 tagli in 55 centri Usa, con l’obiettivo di recuperare il costo dei robot (pari ad oltre un milione ciascuno) in meno di due anni.

“Forse un titolo diverso sarebbe stato meglio… Amazon sta testando tecnologie che fanno pacchi più piccoli con meno spreco di cartone. E per tutti coloro che temono per la perdita di posti, la nostra principale questione è quella di trovare sufficiente personale in grado di svolgere il lavoro che abbiamo e che stiamo creando”, ha assicurato via Twitter il vice presidente per le operazione del gigante di Seattle, Dave Clark, gettando acqua sui timori dei tagli ma solo dopo aver annunciato l’avvio di un programma di esodo incentivato per i dipendenti della logistica. Amazon offre 10.000 dollari per andare via ai dipendenti che vogliono mettersi in proprio nel settore delle spedizioni.

“Stiamo testando questa nuova tecnologia con l’obiettivo di incrementare la sicurezza, accelerare i tempi di consegna e migliorare l’efficienza di tutta la nostra rete. Abbiamo intenzione di reinvestire quanto risparmiato in nuovi servizi per i clienti, così che possano continuare ad essere creati posti di lavoro”, è stato spiegato da un portavoce di Amazon che ha così confermato il processo di automazione per preparare i pacchi.

Il robot prodotto dall’italiana Cmc si chiama “CartonWrap”. È un sistema di packaging automatico pensato proprio “per rispondere alle esigenze delle società di spedizione”, spiega il gruppo sul suo sito web, come quelle dell’ecommerce, che hanno bisogno di preparare pacchi da spedire di dimensioni diverse.

Gli articoli da imballare vengono posizionati su un nastro trasportatore, scansionati dal robot che li impacchetta. Basta applicare le etichette necessarie e la merce è pronta per partire. “Siamo un team di 200 persone con base a Città di Castello”, “siamo dove serve ai nostri clienti”, dice Cmc che è guidata da Francesco Ponti come Ceo dal 2011.

 

 

 

Articolo modificato alle 7.30 del 14 maggio: in una precedente versione era scritto che il robot sarebbe stato in grado di creare 600 mila pacchi all’ora. In realtà la capacità è di 600 pacchi. Ci scusiamo per l’errore. 

Agi

Mario Draghi ha spiegato agli studenti di Pisa perché è orgoglioso di essere italiano

L'orgoglio di essere italiano e una difesa dell'euro che, pur con i suoi limiti, è stato fonte di stabilità. Italia e Europa si sono sovrapposte, intrecciate e andate fianco a fianco nella lectio magistralis del presidente della Bce, Mario Draghi. Come potevano lasciare presagire l'inno di Mameli e l'inno alla Gioia intonati all'inizio della cerimonia con la quale la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa gli ha conferito la laurea honoris causa in Economia.

Non sono passate inosservate le grida di allarme del rettore dell'Ateneo, Pierdomenico Perata, che ha denunciato i tagli subiti dall'istruzione universitaria italiana nell'ultimo decennio, e del rappresentante degli studenti, Tommaso Sacconi, che, nonostante le difficoltà del sistema universitario, non ha fatto mancare il "coraggio" di "voler contribuire al futuro delle nostre comunità", in "Italia ma anche oltre ai confini del nostro paese".

Orgoglioso di essere italiano

"Parole molto belle" che "mi fanno sentire ancora più orgoglioso di essere italiano", ha detto Draghi invitando gli studenti a buttare il cuore oltre l'ostacolo, perché "senza coraggio non si va da nessuna parte". Coraggio che puo' essere attinto dall'euro, che a gennaio compirà 20 anni: "l'appartenenza alla moneta unica gioca un ruolo fondamentale" per i paesi europei, in virtù del suo ruolo di "stabilizzatore" delle economie, "soprattutto nelle fasi recessive".

"L'Unione monetaria ha avuto successo sotto molteplici aspetti", ha ricordato Draghi, anche se è vero che "non ha prodotto i risultati attesi in tutti i paesi", ma ciò è in parte "il risultato di scelte di politica interna" oltre che "il risultato di un'Unione monetaria incompleta", per cui sarebbe auspicabile portarla a compimento, a partire dall'unione bancaria. Detto questo "la moneta unica ha permesso a diversi paesi di recuperare sovranità monetaria rispetto allo Sme", ovvero quando "le decisioni di politica monetaria erano prese dalla Germania", mentre "oggi sono condivise da tutti i paesi".

Il monito

Ed è qui che arriva il monito del banchiere: "non è ovvio che un paese tragga vantaggi in termini di sovranità monetaria dal non essere parte dell'euro". Certo, ha premesso Draghi, "ogni Paese ha la propria agenda, ma solo con le riforme si creano le condizioni per far crescere salari e occupazione", oltre a garantire "lo stato sociale". E queste "sono azioni che non possono non essere compiute che a livello nazionale", seppure "con il sostegno a livello europeo".

Il riferimento all'Italia sembra diventare ancora più diretto con il monito a non adottare misure in deficit per il bilancio pubblico, come del resto "ha dimostrato la storia dell'Italia", dove "il finanziamento monetario del debito pubblico non ha portato a reali benefici a lungo termine. Nei periodi in cui la monetizzazione del debito era più comune in Italia, come negli anni '70, il mantenimento di un tasso di crescita simile ai suoi omologhi europei richiedeva ripetute svalutazioni.

L'inflazione aveva raggiunto livelli insostenibili e aveva colpito i ceti più vulnerabili della società". L'euro, come parte integrante e fondamentale dell'Unione europea, potrebbe poi essere anche un argine ai populisti e ai movimenti estremisti: "Altrove nel mondo – ha concluso Draghi – si sta diffondendo il fascino delle ricette e dei regimi illiberali; stiamo vedendo piccoli passi indietro nella storia. Ed è per questo che il nostro progetto europeo è ancora più importante oggi. E' solo continuando a progredire, liberando le energie individuali ma anche promuovendo l'equità sociale, che la salveremo attraverso le nostre democrazie, con unità di intenti". 

Agi News

A Varese il primo centro commerciale italiano sorvegliato dai droni

Nei centri commerciali italiani arrivano i droni. Non in vendita (quelli ci sono da tempo) ma per sorvegliare clienti e negozi. “Il Centro” di Arese (poco distante da Milano) è il primo ad aver ottenuto dall'Enac (l'Ente nazionale per l'aviazione civile) l'autorizzazione per l'utilizzo dei velivoli in aree aperte al pubblico. Tanto pubblico: Il Centro viene visitato ogni anno da 14 milioni di persone.

Come funzionano i droni

Saranno utilizzati droni Titan, progettati dall'italiana Italdron. Si occuperanno della sorveglianza del mall e dell’area che lo circonda, su una superficie complessiva di 2 milioni di metri quadrati. I droni non sostituiranno ma si integreranno con i sistemi già esistenti e baderanno soprattutto ai 10.000 posti auto, ai tetti e ai passaggi di servizio. Per ora, quindi, non siamo ancora la punto di veder passare un oggetto volante mentre siamo al banco del pesce.

Titan ha un'autonomia di 40 minuti. Possiede un sistema in grado di riconoscere soggetti e targhe di veicoli fino a 600 metri di distanza e integra tecnologia a infrarossi, che permette di sorvegliare anche al buio. Il loro volo sarà programmato e automatizzato, in modo da garantire una sorveglianza 24 ore su 24. Le operazioni saranno comunque supervisionate e controllate dal personale di vigilanza, formatosi all'Italdron Academy certificata da Enac.  

Agi News

Chi è l’uomo che scommette sul caos italiano per fare un mucchio di soldi

Il più grande hedge fund del mondo ha triplicato la sua scommessa contro l'Italia prima delle elezioni del prossimo mese, scrive il Times. Bridgewater ha creato quello che secondo alcuni è una delle più grandi posizioni short della sua storia, puntando 3 miliardi di dollari contro una serie di società italiane, tra cui Intesa e Atlantia.

L'hedge fund americano da 160 miliardi sta scommettendo che le elezioni porteranno una nuova ondata di caos politico nella terza più grande economia della zona euro. Una ricerca di Bloomberg ha rilevato che negli ultimi tre mesi Bridgewater aveva triplicato la sua scommessa contro l'Italia da una posizione a breve originaria di 1,1 miliardi di dollari in ottobre vendendo allo scoperto le azioni di 18 blue chip. Nel mirino del fondo ci sono in particolare i titoli di Intesa, Unicredit, Enel, Generali, Atlantia, Terna e Snam. Dietro le scommesse al ribasso di Bridgewater, spiega Bloomberg, ci sono le elezioni del 4 marzo e l'incertezza politica riguardante il loro esito. Già nell'ottobre scorso Bridgewater, il cui fondatore Ray Dalio, fin dal 1975, molto prima dell'uso intensificato dei computer, ha sempre utilizzato gli algoritmi per comprare e vendere asset, aveva scommesso oltre 700 milioni di dollari contro le principali banche italiane.


Chi è Ray Dalio

Ray Dalio, al secolo Raimondo, nasce a Jackson Height, nella contea di Queens, New York, nel 1949. Figlio di un musicista Jazz di origini italiane. Dalio inizia a investire all’età di 12 anni, racconta OkForex quando acquista le azioni della Northeast Airlines per 300 dollari, presto diventati 600 quando la compagnia aerea si fonde con un’altra società. Dopo questo primo successo, si iscrive alla Long Island University e si laurea in finanza. Completa la sua formazione con un MBA alla Harvard Business School. Nel 1974, a soli 25 anni, fonda la Bridgewater Associate, una società di gestione con base in Connecticut e specializzata in hedge fund. Entrerà nella storia proprio con la Bridgewater: l’hedge fund da lei gestito diventerà nel 2012 più grande del mondo, con 160 miliardi di dollari in gestione. Il fondo di Bridgeater è chiuso. Nessuno può più entrarci. E’ stato raggiunto il limite fisiologico di asset gestiti. Per comprendere però la sua importanza, basta un dato. Durante l’ultimo anno di apertura (2014), l’entry level era di 100 milioni di dollari. Ma il concetto che ha reso veramente famoso Ray Dalio è quello di meditazione trascendentale. E’ stato il primo a portare un elemento della filosofia orientale nel mondo della finanza. La meditazione di Ray Dalio segue le dinamiche di quella conosciuta, non ha apportato cambiamenti, se non quello (epocale) di utilizzarla per aumentare le proprie performance di investitore. Ora si sta sta godendo la nuova fama come autore di best seller. Il suo libro 'Principles: Life and Work' spiega le idee non ortodosse che lo hanno aiutato ad accumulare una fortuna di 17 miliardi di dollari.


Il Times pone l'accento su due elementi: gli ultimi sondaggi che indicano che nessun gruppo sarà in grado di mettere insieme una maggioranza e le preoccupazioni circa il successo di M5s, che alla posizione antieuropeista unisce piani che consentirebbero ai mutuanti di recuperare più crediti inesigibili.

Le banche italiane hanno un ammontare di 200 miliardi di prestiti tossici, e come affrontare queste sofferenze ha creato più di un interrogativo sulla salute degli istituti di credito.

Quelli che invece credono nell'Italia

Tuttavia il Times sottolinea come Bridgewater sia l'unica a non credere ai titoli italiani. 

Gli analisti di UBS, ad esempio, hanno pubblicato un rapporto sulle banche italiane che gli ha dipinto un quadro generalmente salutare e ha sottolineato che anche per il recente aumento del valore delel loro azioni, le imprese italiane restano un buon investimento.

Allo stesso modo, in una nota ai clienti, Capital Economics ha affermato che ci sono poche ragioni per preoccuparsi delle elezioni e ha osservato che il Paese è "abituato al'instabilità di governo" e che anche se i partiti anti-Ue dovessero ottenere più del 50% dei voti, non sarebbero in grado di portare il Paese a un referendum per uscire dall'Unione. Ray Dalio, 68 anni, fondatore di Bridgewater, 

Agi News

Un imprenditore italiano di 22 anni scrive all’Ue: “I soldi di Google investiteli in startup”

L'Ue ha imposto a Google una multa da 2,42 miliardi di euro. Ma che ne sarà (se li incasserà) di questi soldi? Matteo Blasi, uno sviluppatore 22enne di Bolzano, un'idea ce l'ha: “L’Europa li reinvesta nelle giovani startup digitali”. Un percorso alla Robin Hood che toglie ai grandi (Mountain View è stato accusata di abusato di posizione dominante) per dare ai piccoli. Per promuovere l'idea, Blasi ha lanciato anche una petizione su Change.org, rivolta al presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker.

“Per ottenere finanziamenti – spiega Balsi – oltre agli angel e ai venture capitalist, anche l’Unione europea mette a disposizione alcuni milioni di euro destinati alle startup innovative. Cifra però sempre molto lontana, ad esempio, dai 10 miliardi messi recentemente a disposizione da Macron per le sole startup francesi”. Il ragionamento non fa una piega. “La disponibilità di grossi capitali a cui le startup possono attingere – aggiunge – è da sempre il punto cardine per attrarre talenti e per sviluppare nuove e robuste comunità di imprese, fondamentali per arrivare a storie di successo. Il network di venture capitals in Silicon Valley e i grossi investimenti per promuovere il mondo startup israeliano ne sono l'esempio”. Certo, visti dall'ottica di un mercato italiano ancora asfittico, 2,43 miliardi sarebbero un bel tesoretto. Ma, al di là della fattibilità (tutta da verificare), trasferire un gruzzolo una tantum (come una maxi-multa) non risolverebbe certo il problema. E non renderebbe Milano come Tel Aviv.

Quella di Blasi, allora, è prima di tutto una provocazione. Destinare la somma alle startup sarebbe per l'Europa, dice, “un’occasione d’oro per dimostrare, senza particolare sforzo, l'effettivo interesse nel futuro dei suoi giovani imprenditori. Vediamo se saprà coglierla”. Poi, certo: oltre alla provocazione c'è anche il marketing. Blasi è il ceo di Flashbeing, un’applicazione italiana che racchiude in un’unica schermata tutte le principali attività professionali di una persona collegando notizie, chat e agenda. Nel 2014 ha chiuso un round da 250mila euro ed è in cerca di nuovi capitali. Un po' di visibilità non fa mai male. Anche grazie a una provocazione. 

Agi News

Ue-Canada: Agrinsieme, opportunita’ per agroalimentare italiano

(AGI) – Roma, 15 feb. – “L’apertura di nuovi mercati rappresenta una priorita’ imprescindibile per l’agroalimentare italiano, specie se si tratta di mercati in Paesi con una ricchezza pro-capite alta, con standard simili a quelli europei. Per questo, l’accordo commerciale di libero scambio con il Canada rappresenta una risorsa e un’opportunita’ importante per il sistema agroalimentare Made in Italy” . Cosi’ il coordinatore di Agrinsieme, il coordinamento tra Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, Cia, Confagricoltura e Copagri Giorgio Mercuri commenta la notizia del voto favorevole del Parlamento europeo all’accordo UE-Canada CETA.
“La strategia di politica commerciale dell’Unione europea si e’ confermata fondamentale sia per sia migliorare le condizioni di accesso ai mercati dei paesi terzi che per cercare di facilitare gli operatori. Il Canada – prosegue Mercuri – rappresenta un mercato di sbocco di grande rilievo, con opportunita’ importanti in particolare per il comparto lattiero-caseario, vitivinicolo e ortofrutticolo. L’inclusione nel Trattato con il Canada del sistema di denominazione di origine e’ frutto di un lungo e complesso lavoro portato avanti durante il negoziato che consente la tutela e la difesa dello straordinario patrimonio dei prodotti europei di qualita’ certificata. I consumatori canadesi hanno dimostrato negli ultimi anni di apprezzare le eccellenze italiane ed europee, che sono garantite da standard di produzione fra i piu’ sicuri al mondo. Sui circa 180 prodotti di qualita’ certificata che sono stati riconosciuti all’interno del negoziato, quelli Made in Italy sono circa un quarto. Con la sigla del trattato, buona parte delle nostre DOP E IGP potra’ godere di un livello di protezione prima insperabile. Si tratta di un patrimonio particolarmente strategico per l’agricoltura italiana, che merita tutti gli sforzi e le attenzioni necessarie a valorizzarlo sui mercati”. Agrinsieme ricorda infine che nell’ultimo anno -tra prodotti agricoli, cibi e bevande- le esportazioni tricolori in Canada hanno superato i 640 milioni di euro e, dal 2000 a oggi, sono cresciute del 39%. Sul fronte delle importazioni di prodotti agroalimentari dal Canada, “condizione obbligatoria – conclude Mercuri – sara’ quella di prestare attenzione agli standard qualitativi dei prodotti interessati dagli scambi e ai loro processi di lavorazione al fine di garantire il rispetto della reciprocita’. Tenendo fisso l’obiettivo imprescindibile di salvaguardia delle nostre produzioni agricole e dei nostri standard, i risultati positivi ottenuti con il Canada possono rappresentare un esempio di lavoro da seguire all’interno delle relazioni di commercio internazionale”.(AGI)
Bru

Agi News

Vino: Bloomberg, Moscato Giallo di Maeli unico italiano top ten

(AGI) – Roma, 29 dic. – Il Moscato Giallo Maeli Metodo Classico Dila’ 2014 Millesimato e’ in vetta alle preferenze di Elin McCoy, una delle piu’ importanti esperte di vino al mondo, che in un articolo di Bloomberg lo include tra gli “absolute standout”.
La selezione, su oltre oltre 4.000 vini provenienti da tutto il mondo, degustati nel corso del 2016, ha evidenziato come lo scenario enologico internazionale guardi con curiosita’ e interesse ai nuovi stili da terroir meno conosciuti.
“Siamo onorati di essere nella classifica dei top ten wines 2016 di Bloomberg” affermano Elisa Dilavanzo e i fratelli Gianluca e Desiderio Bisol (che hanno creduto in questa realta’ unica nei Colli Euganei). “Dila’, prodotto in sole 2960 bottiglie, e’ un tributo a un vitigno, il Moscato Giallo, che noi valorizziamo come una chicca del nostro territorio vulcanico dei Colli Euganei.
In effetti Dila’ e’ l’unico metodo classico al mondo di Moscato Giallo da terreni vulcanici nella versione Nature e con un anno di affinamento sui lieviti, presentato in una sorta di bottiglia “ampolla” che lo contraddistingue. Ma la sorpresa non finisce mai, poiche’ il vino, pur essendo lo stesso, presenta peculiarita’ da bottiglia a bottiglia.(AGI)

Bru

Agi News

Cibo Per Cani Libia: devastato il cimitero italiano a Tripoli

Cibo Per Cani

Libia: devastato il cimitero italiano a Tripoli
Il neonato del video ha deciso che oltre alla lallazione e ai versetti tipici dell'età, forse un modo divertente e più semplice per iniziare a comunicare è quello di utilizzare il linguaggio dei suoi cani, con cui sembra fare a gara nel fare l'ululato …
http://www.metronews.it/15/11/01/libia-devastato-il-cimitero-italiano-tripoli.html

cibo per cani

Siria: Damasco riconosce importanza documento finale Vienna
Il neonato del video ha deciso che oltre alla lallazione e ai versetti tipici dell'età, forse un modo divertente e più semplice per iniziare a comunicare è quello di utilizzare il linguaggio dei suoi cani, con cui sembra fare a gara nel fare l'ululato …
http://www.metronews.it/15/11/01/siria-damasco-riconosce-importanza-documento-finale-vienna.html

Essere stranieri
Soprattutto quando ci si sposta in un altro continente, abituarsi al cibo, agli orari, ai ritmi di vita presuppone dei cambiamenti che mettono in gioco il grado di adattabilità, anche a livello corporale. Tutto si modifica a seconda della …. Il …
http://www.alessandrianews.it/alessandria/essere-stranieri-119683.html

Segnali più buffi: "wc tuono", "terra promessa chiusa" FOTO
Ci sono poi i pozzi senza fondo, ma profondi solo 65 piedi o circa 20 metri, e ancora i Bed and Breakfast Barf, dove sarebbe meglio non fare colazione visto che riprende il nome di una popolare marca di cibo per cani. Questi sono solo alcuni dei …
http://www.blitzquotidiano.it/foto-notizie/segnali-piu-buffi-wc-tuono-terra-promessa-chiusa-foto-2309659/

Frolic Mini Cibo Semi Umido per Cani con Carni Bianche, Verdure e Cereali - 2KG

EUR 12,70
Scadenza: giovedì giu-6-2019 9:41:27 CEST
Compralo Subito per soli: EUR 12,70
Compralo Subito | Aggiungi all'elenco degli oggetti che osservi
http://rover.ebay.com/rover/1/724-53478-19255-0/1?ff3=2&toolid=10039&item=283201474317&vectorid=229494
Monge Monoproteico scatolette paté da 400gr cibo umido per cani 6-12-24 pezzi
EUR 20,99
Scadenza: domenica mag-26-2019 19:16:56 CEST
Compralo Subito per soli: EUR 20,99
Compralo Subito | Aggiungi all'elenco degli oggetti che osservi
http://rover.ebay.com/rover/1/724-53478-19255-0/1?ff3=2&toolid=10039&item=401716129412&vectorid=229494

Amici e natura