Tag Archive: fermare

Il G20 in Giappone non impegnerà gli Usa a fermare la guerra dei dazi

Il G20 di Fukuoka, in Giappone, cede alle pressioni di Washington, e rinuncia a impegnare gli Stati Uniti per una pace nella guerra commerciale che sta destabilizzando l’economia mondiale.

Inaugurata dagli Stati Uniti contro la Cina, la guerra dei dazi è “la principale minaccia” alla crescita globale, ha affermato Christine Lagarde, ma la dichiarazione rilasciata dal direttore del Fondo monetario internazionale ai giornalisti dice ciò che gli sherpa dell’amministrazione Trump hanno voluto fosse eliminato nel comunicato finale del vertice, ancora non ufficiale.

Insieme a questa presa d’atto è stato censurato il riferimento “al riconoscimento della necessità di risolvere le tensioni nel commercio”, pur affermando che esse si sono “intensificate”: gli americani, osservano gli analisti, vogliono evitare di assumersi formalmente responsabilità in grado di contraddire le iniziative in corso contro Pechino.

Così, il comunicato finale ripercorrerà sostanzialmente quello diramato lo scorso dicembre al termine del G20 di Buenos Aires, dove i ministri delle Finanze e i governatori delle banche centrali invitarono Washington e Pechino a una tregua di almeno cinque mesi, poi rotta a maggio, quando entrambe le parti hanno cominciato a imporre l’una all’altra aumenti dei dazi.

I ministri del G20, afferma la bozza, “continueranno a lavorare sui rischi in corso e sono pronti a prendere ulteriori azioni”. In realtà, ha chiarito ancora Lagarde, la guerra dei dazi tra Stati Uniti e Cina potrebbe “danneggiare” le opportunità di ripresa. “Ci siamo riuniti in un momento di stabilizzazione dell’economia – ha aggiunto Lagarde – ma la rotta è precaria”.

Una convergenza, pur vaga, sembra invece essere stata trovata sulla opportunità di tassare i giganti del web, come Amazon, Google e Facebook. Il G20 si impegna a “raddoppiare” entro la fine del prossimo anno gli impegni per arrivare alla meta. L’idea, secondo le indiscrezioni circolate ieri, e’ di tassare Facebook, Google e altre multinazionali digitali non piu’ sulla presenza fisica, dove si trovano i loro uffici, ma in base a dove registrano le loro entrate.

Agi

Nonostante i guai giudiziari, niente sembra fermare Samsung in Borsa (+40% in un anno)

L'autunno scorso era scoppiato l'affare Galaxy Note 7. A causa di un di difetto di fabbricazione della batteria, l'ultimo modello del dispositivo prendeva fuoco. Samsung è costretta a ritirare dal mercato il nuovo smartphone, che nel frattempo era stato bandito da tutte le aviolinee del mondo. A novembre fu la volta delle "lavatrici-bomba", modelli con caricamento dall'alto, venduti solo negli Stati Uniti, il cui oblò si staccava durante la centrifuga rischiando di colpire il proprietario con la forza di una palla di cannone.

Il febbraio successivo scattano invece le manette per l'erede dell'impero Samsung, Lee Jae-yong, ora condannato a cinque anni di carcere per il suo coinvolgimento nel caso della "sciamana", che ha portato alla destituzione della presidente Park Geun-hye. Abbastanza da far parlare a molti di un "annus horribilis" per il colosso di Seul. E invece non solo gli investitori hanno continuato a premiare il titolo ma negli ultimi dodici mesi il valore in borsa delle azioni Samsung ha guadagnato oltre il 40%, con un aumento della capitalizzazione di mercato del gruppo pari a 85 miliardi di dollari. A ricostruire l'andamento del titolo nel corso dell'ultimo anno è Quartz.

Una performance, sottolinea il portale americano, in linea con quella di Apple e superiore a quella di Facebook, Amazon e Alphabet. Nonostante traversie che avrebbero tagliato le gambe, almeno per un po', ad aziende altrettanto stabili. Come si spiega una simile impennata sui listini? La spiegazione sta nell'evoluzione del modello di business di Samsung, oggi più incentrato sulla produzione di componenti che di dispositivi. Il 'recall' del Note 7 sarà costato pure miliardi di dollari ma ha avuto un impatto assai inferiore di quello che avrebbe avuto su Apple un ipotetico iPhone che esplode. Nessuno produce componenti così sofisticati e allo stesso tempo così economici come quelli firmati Samsung. E gli investitori lo sanno bene.

Non solo gli smartphone sono sempre più lontani dall'essere l'unico 'core business' dell'azienda ma la componentistica non è l'unico settore nel quale Samsung è all'avanguardia. La conglomerata sudcoreana detta da tempo la linea in settori come le illuminazioni Oled ed è sempre più avanzata in altri più contesi come i semiconduttori. Nè c'è da temere che la condanna inflitta a Lee, per quanto un caso senza precedenti, macchi troppo l'immagine della società: i sudcoreani, ricorda Quartz, sono abituati a vedere stimatissimi top manager finire nella bufera. Si pensi alle disavventure legali che hanno coinvolto, negli ultimi mesi, un'altra grande dinastia imprenditoriale sudcoreana come i Lotte o al caso di Sk Group, legato a sua volta allo scandalo della "sciamana". 

Agi News