Tag Archive: criptovalute

Il Benfica è il primo top club europeo ad accettare pagamenti in criptovalute

Il Benfica ha annunciato una novità importante per quanto riguarda i pagamenti. Il club lusitano sarà il primo top club europeo ad accettare pagamenti con criptovaluta. Grazie alla collaborazione con UTRUST, la società offrirà ai suoi sostenitori la possibilità di utilizzare le valute virtuali per acquistare i biglietti per lo stadio e i prodotti presenti sul suo store online.

Il lancio di questa nuova feature avvicinerà i tifosi muniti di criptovalute all’Estádio da Luz, portando a un nuovo livello la strategia di e-commerce del club e ampliando il suo pubblico globale. La società ha deciso di accettare bitcoin ed ethereum per il pagamento dei biglietti e del merchandising, cercando di allargare la sua fan base. Non è possibile per ora pagare con altre categorie di valute virtuali. E nel caso in cui UTRUST dovesse allargare il paniere di criptovalute accettate, la società portoghese dovrebbe adeguarsi di volta in volta.

UTRUST is live with @SLBenfica We’re launching with one of the biggest football teams with 14 million fans worldwide.
It’s official—you can now pay with #crypto on the Benfica website: https://t.co/Lt7hGVOcnX pic.twitter.com/aYl8DCw6IW

— UTRUST (@UTRUST) 5 giugno 2019

 

Il Benfica già adesso rappresenta una delle società con il tifo più caloroso. La formazione portoghese ha recentemente vinto il campionato, e può contare su una storia di 115 anni, e su 14 milioni di tifosi in tutti e cinque i continenti. Secondo UTRUST, “l’impegno del club nella costruzione di una comunità forte, che possa raggiungere tutto il mondo, e la sua innovazione pioneristica rende il Benfica un partner perfetto”.

L’amministratore delegato del Benfica, Domingos Soares de Oliveira, ha motivato la scelta in questo modo: “Il club vuole stare al passo coi tempi. Riconosciamo che molti dei nostri sostenitori si muovono nell’era digitale e vogliamo restare all’avanguardia quando si tratta di accogliere nuove tecnologie” 
 

Agi

La nuova giornata nera delle criptovalute

Non sembra conoscere freni la crisi delle criptovalute. Nel corso dell'ultima giornata, il settore è stato interessato da un'improvvisa ondata di vendite che ha portato il prezzo del Bitcoin a un minimo di seduta di 3.750 dollari, la quotazione più bassa dal settembre 2017. Si tratta di una flessione giornaliera pari al 15%.

La criptovaluta più scambiata al mondo ha poi recuperato riportandosi poco sotto quota 4.000 dollari. In deciso arretramento anche Ethereum, sceso del 20% poco sopra i 100 dollari, e Litecoin, calato sotto i 30 dollari.
Delle 100 principali criptovalute, solo 8 hanno segnato un rialzo, spiega TechCrunch, mentre tutte le altre accumulavano perdite medie tra il 13% e il 14%.

Quali sono le ragioni del crollo?

Il nuovo tonfo arriva al termine di un mese di forti perdite. Solo tre settimane fa il valore del Bitcoin si era stabilizzato intorno ai 6.000 dollari. All'inizio dell'anno valeva 20.000 dollari. Si è trattato di una vera doccia fredda per gli operatori, i quali avevano sperato che la tendenza al ribasso delle ultime settimane si sarebbe fermata prima di infrangere la barriera psicologica dei 4.000 dollari e ora temono un crollo sotto quota 3.000.

Le ragioni dell'ondata di vendite appaiono in parte legate alle continue indiscrezioni, non confermate, su un imminente stretta della Cina sulle piattaforme di scambio cinesi. A rendere instabile il comparto è inoltre lo scontro in corso tra il gruppo leader del mercato, Btc.com, e Bitcoin Cash, che sta sottraendo al primo 'minatori', ovvero parte della potenza di calcolo necessaria a 'estrarre' la criptovaluta. 

Agi News