Tag Archive: aumento

A gennaio in aumento la fiducia dei consumatori, giù quella delle imprese 

Migliora a gennaio l’indice del clima di fiducia dei consumatori (da 110,8 a 111,8) mentre per le imprese si registra un calo (da 100,7 a 99,2). Lo rileva l’Istat. Per i consumatori, il clima di fiducia recupera completamente la flessione registrata a novembre 2019 riportandosi sul livello dello scorso ottobre. L’aumento è dovuto ad un diffuso miglioramento di tutte le componenti. Per quanto riguarda le imprese, l’indice composito del clima di fiducia diminuisce, riportandosi sul livello dello scorso novembre, sintesi di un miglioramento nell’industria e di un peggioramento nei servizi e nel commercio al dettaglio. Nel dettaglio, spiega l’Istat, tutte le componenti del clima di fiducia dei consumatori mostrano una tendenza al rialzo: il clima economico registra un incremento da 120,9 a 123,8, il clima personale cresce da 106,8 a 108,4, il clima corrente aumenta da 108,8 a 110,7 e quello futuro passa da 112,3 a 114,7.

Con riferimento alle imprese, nell’industria si registra un complessivo miglioramento mentre per i servizi emergono segnali di incertezza. In particolare, nel settore manifatturiero l’indice aumenta da 99,3 a 99,9 e cresce in modo deciso nelle costruzioni (da 140,1 a 142,7); nei servizi la fiducia diminuisce (l’indice passa da 102,2 a 99,5), cosi’ come nel commercio al dettaglio, dove l’indice cala da 110,6 a 106,6. Per quanto attiene alle componenti dell’indice di fiducia, nell’industria manifatturiera migliorano sia i giudizi sugli ordini sia le aspettative di produzione mentre le scorte di prodotti finiti sono giudicate in accumulo. Nelle costruzioni, l’evoluzione positiva dell’indice e’ trainata dal miglioramento delle attese sull’occupazione. Nei servizi di mercato e nel commercio al dettaglio il calo dell’indice riflette una dinamica negativa di tutte le componenti. In quest’ultimo comparto, si assiste ad un diffuso peggioramento dei giudizi sulle vendite in entrambi i circuiti distributivi analizzati (grande distribuzione e distribuzione tradizionale) mentre le relative aspettative sono in calo solo nella grande distribuzione.

Agi

Rottamazione bis e niente aumento di Iva e accise. Il piano di Padoan in 6 clip

Il debito pubblico scende, la fiducia dei mercati prevista in crescita, saranno eliminate le clausole di salvaguardia e la rottamazione bis delle cartelle è un provvedimento allo studio. Questi e altri i provvedimenti del governo annunciati dal ministro Pier Carlo Padoan in conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri che ha varato la Nota di aggiornamento al Def, propedeutica alla legge di bilancio che dovrà essere presentata al Parlamento entro il 20 ottobre.

Cosa ha detto Pier Carlo Padoan

Debito scende, sale fiducia dei mercati

"Il debito sta cominciando a scendere, anche tenendo conto delle somme messe a disposizione dal sistema bancario per affrontare situazioni di crisi e prevediamo un sentiero di discesa che accelera, il che vuol dire che la fiducia sui mercati aumenterà". Il rapporto debito/pil è del 132% nel 2016, sarà del 131,6% nel 2017 e del 129,9% nel 2018, ha reso noto il ministro dell'Economia. (In seguito il comunicato del Consiglio dei Ministri corregge leggermente le cifre fornite dal ministro Padoan: nel 2017 sarà al 131,6%, nel 2018 al 130%, nel 2019 al 127,1%).


Padoan: sinergia investimenti pubblici-privati

Rottamazione bis delle cartelle

"La rottamazione bis delle cartelle esattoriali è una delle tante misure che stiamo valutando, prodromica rispetto alla legge di bilancio".

Eliminate clausole di salvaguardia

"Nella legge di bilancio 2018 ci sarà l'eliminazione delle clausole di salvaguardia (stop all'aumento di accise e Iva, ndr). Il quadro di finanza pubblica sarà riempito dalla legge di bilancio ma è un quadro che permette di dire con chiarezza che le clausole saranno totalmente eliminate. Ci permette di dire che le politiche invariate saranno sostenute e che ci potranno essere margini per alcune priorità selezionate. In parte grazie a una crescita più elevata e all'accordo con la Commissione Ue, il Paese dispone di uno spazio fiscale più ampio".


Forte sostegno a piano finanziario Junker

Rapporto defici/Pil in equilibrio nel 2020 

"Il rapporto deficit/Pil si assesterà all'1,6% nel 2018, allo 0,9% in 2019 e allo 0,2% nel 2020. C'è tecnicamente un sostanziale raggiungimento dell'equilibrio nel 2020.


Sostegno a investimenti privati per innovazione


Crescita sia sostenuta da azioni strutturali


I tweet su occupazione e debito

"La ripresa dell'occupazione con la creazione di 900mila nuovi posti di lavoro negli ultimi tre anni è un buon punto di partenza". E' quanto sottolinea il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, in un tweet, dopo l'approvazione della Nota di aggiornamento al Def in Consiglio dei ministri.

"Grazie alle politiche adottate dal 2014 l'economia accelera e cresce dell'1,5% annuo", sottolinea il ministro dell'Economia in un altro tweet, dopo l'approvazione della Nota di aggiornamento al Def in Consiglio dei ministri. Il debito pubblico, aggiunge Padoan in un terzo tweet, "è sceso per la prima volta dopo 7 anni nel 2015, e nel 2017 riprende la discesa".

 

Agi News

Mps: aumento capitale parte lunedì e si chiude giovedì 22

Roma – L'aumento di capitale di Mps si aprira' domani alle 9 e si chiudera' giovedi' 22 alle 14. E' quanto si legge nel prospetto pubblicato dall'istituto. In particolare, l'offerta pubblica riservata per il 30% agli azionisti e per il 5% al pubblico indistinto, terminera' alle 14 del 21 dicembre, salvo proroga. Per il collocamento istituzionale (a cui e' riservato il 65% dell'offerta) ci sara' tempo fino alle 14 di giovedi' 22 dicembre.

Agi News