Ultime news

In tre mesi sono stati persi 60 mila occupati

“Dopo la crescita dell’occupazione registrata nel primo semestre dell’anno e il picco raggiunto a giugno, a partire da luglio i livelli occupazionali risultano in lieve ma costante calo, con la perdita di 60 mila occupati tra luglio e settembre”. E’ quanto spiega l’Istat. Risale a settembre il tasso di disoccupazione, che cresce di 0,3 punti percentuali al 9,9%.

Secondo l’istituto, le persone in cerca di occupazione sono in aumento del 3% e che la crescita della disoccupazione riguarda entrambe le componenti di genere e coinvolge tutte le classi d’età tranne i 25-34enni. In questa fascia, infatti, il tasso di disoccupazione sale di 1,1 punti percentuali a settembre su agosto, portandosi al 28,7%. 

Agi

Il giorno in cui Draghi lascerà Francoforte, da vincitore 

Dal “whatever it takes” (“tutto ciò che serve”) al “dialogue with adults in the room” (“dialogo fra adulti”). Tre anni esatti separano le due formule, pronunciate rispettivamente nel luglio 2012 a Londra dal presidente uscente della Bce Mario Draghi e nel giugno 2015 a Lussemburgo da Christine Lagarde, che lo sostituirà dal primo novembre.

Entrambe, in qualche modo, hanno contribuito alla sopravvivenza della moneta unica e dell’Europa così come la conosciamo, ma entrambe hanno provocato anche polemiche e molte conseguenze non tutte positive. Lunedì 28 ottobre è il giorno in cui in una cerimonia formale molto attesa, nel grattacielo di Francoforte avverrà il passaggio del testimone dal banchiere centrale italiano alla signora dell’economia francese, alla presenza dei leader europei Angela MerkelEmmanuel Macron e Sergio Mattarella

Lagarde ha diretto oltreoceano il Fondo monetario internazionale proprio negli stessi anni della presidenza Draghi alla Banca centrale europea. I due hanno gestito in parallelo i lunghi anni della crisi greca, quella che ha quasi provocato la fine dell’Europa esattamente in quell’estate di quattro anni fa in cui Lagarde chiese ai suoi interlocutori dell’Eurogruppo di comportarsi da adulti. Evitato il trauma, si è però aperta una fase di grandi sacrifici per i greci, che ha preparato il terreno, assieme ad altre importanti crisi come quella dei migranti, per la crescita dell’euroscetticismo che ancora oggi pende sulla stabilità della costruzione europea. 

Draghi lascia Francoforte da “vincitore”: nonostante le resistenze di alcuni paesi e in particolare della Germania che ospita la sede dell’istituto centrale, è riuscito a mettere in campo gli strumenti di politica monetaria che hanno sostenuto l’economia europea, anche se secondo i detrattori questo è avvenuto al costo di una maggiore divisione fra paesi del nord “virtuosi” e quelli del sud a più alto debito.

Il divario rimane, ed è ancora motivo di preoccupazione per i vertici di Francoforte, assieme al rallentamento della crescita economica che si sta verificando proprio a partire dalla Germania dopo alcuni anni di ripresa. Berlino ha nei giorni scorsi sostituito la sua rappresentante nel consiglio direttivo Sabine Lautenschlaeger, dimissionaria in disaccordo con gli ultimi annunci di Draghi, con la più moderata Isabel Schnabel, considerata comunque anche lei non favorevole alla politica monetaria di stimolo condotta finora, che ha portato ai tassi negativi senza riuscire a far risalire l’inflazione al livello obiettivo di “sotto, ma vicino, al 2%”. 

In questo contesto non facile inizia il mandato di Christine Lagarde, prima donna a guidare un’istituzione europea dopo essere stata la prima donna a svolgere i suoi altri due lavori “al top” (ministro dell’Economia francese, direttore del Fondo monetario internazionale). Alla cerimonia di lunedì, definita sobriamente dal protocollo come “evento di addio in onore di Mario Draghi alla fine del suo mandato da presidente della Banca centrale europea”, sono previsti gli interventi della cancelliera tedesca Angela Merkel, del presidente francese Emmanuel Macron, del presidente della Repubblica italiano Sergio Mattarella, dello stesso Draghi e di Lagarde.

Gli invitati sono qualche centinaio, scelti soprattutto fra i collaboratori e gli ex collaboratori dell’istituto centrale. Fra gli altri, il predecessore di Draghi Jean-Claude Trichet e l’ex presidente francese Valery Giscard d’Estaing, la prossima presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, e il ministro dell’Economia italiano Roberto Gualtieri, che in quanto presidente della Commissione Affari economici del Parlamento europeo negli ultimi 5 anni tante volte ha accolto a Bruxelles e Strasburgo il connazionale presidente della Bce in occasione dei periodici “dialoghi politici e monetari” e audizioni. 

Agi

Il trimestre deludente che ha fatto crollare Twitter

Qualcosa è andato storto: “Venti contrari”, così li definisce la società, hanno condizionato il terzo trimestre di Twitter, chiuso con un fatturato inferiore alle attese e con un utile in calo del 95% rispetto allo stesso periodo del 2018. Il titolo cede quasi il 20% nelle contrattazioni di pre-apertura.

Il fatturato 

Tra luglio e settembre, Twitter ha incassato 823,7 milioni di dollari, decisamente al di sotto delle stime degli analisti, che toccavano gli 874 milioni. Si tratta comunque di un incremento del 9% anno su anno, grazie “alla forza del mercato Usa di settembre”. Un mese che ha attutito la caduta, provocata da “venti contrari”. Di mezzo c’è stata una stagionalità di luglio e agosto “maggiore del previsto”, ma anche intoppi sulle performance di alcuni prodotti.

“Abbiamo scoperto alcuni bug”, fa sapere Twitter, cui dice di aver “rimediato”. Nel trimestre hanno però condizionato la capacità di raggiungere gli utenti con annunci mirati e quella di condividere i dati con i partner. “Abbiamo anche scoperto che alcune personalizzazioni e impostazioni dei dati non hanno performato come atteso”. Lo confermano gli incassi pubblicitari, cresciuti a un ritmo inferiore rispetto al fatturato di gruppo (+8%, a 702 milioni di dollari). L’insieme dei guai, secondo le stime della compagnia, avrebbero ridotto la crescita del fatturato “almeno del 3%”.

Utili a picco

Il fatturato deludente è arrivato, a cascata, fino all’ultima riga di bilancio. Passando per i margini: il risultato operativo è stato di 44 milioni (più che dimezzato anno su anno), anche perchè le spese del trimestre (780 milioni) sono aumentate del 17% rispetto al 2018. Il margine operativo lordo è così passato dal 12 al 5%. Twitter resta in utile, ma dopo gli ultimi periodi di vacche grasse, il risultato netto è striminzito: 36,5 milioni. Tra luglio e settembre 2018 era stato di 789 milioni.

I venti contrari continueranno 

Ad appesantire il quadro ci sono anche le previsioni per il trimestre in corso. I “venti contrari” continueranno. Anzi, saranno più forti. Nonostante Twitter sia intervenuta e abbia osservato un miglioramento a settembre, si attende comunque che le folate proseguano tra ottobre e novembre. Tanto da ridurre la crescita del 4%, un punto percentuale in più rispetto a luglio-settembre. Il peggio deve, quindi, ancora venire. Motivo: i problemi sono sorti nel corso del terzo trimestre e non lo hanno coperto completamente. Mentre si faranno sentire sull’intero quarto periodo. Il fatturato atteso è tra i 940 e il miliardo di dollari, con un risultato operativo tra i 130 e 170 milioni.

Gli utenti accelerano

Dati finanziari così negativi hanno offuscato un elemento positivo: la crescita degli utenti. Quelli “quotidiani paganti” (cioè chi usa Twitter ogni giorno e viene raggiunto da pubblicità) sono stati 145 milioni. Corrispondono a un progresso del 4% rispetto al trimestre precedente e del 17% anno su anno. La crescita degli utenti sta quindi accelerando: era stato del 9 e del 14% nei primi due trimestri del 2019.

Azioni in picchiata

Il titolo di Twitter è andato in picchiata, con un calo attorno al 20%. Pesano i dati finanziari, ma il tonfo è così fragoroso anche perché la società era reduce da trimestri positivi che avevano permesso al titolo di apprezzarsi del 35% da inizio 2019, portando la capitalizzazione oltre i 30 miliardi. La trimestrale è quindi costata quasi 6 miliardi di dollari. 

Agi

Il governo trova l’intesa sul carcere ai grandi evasori. Si tratta sulla flat tax per le partite Iva

Sono servite oltre due ore e mezzo di vertice e diversi incontri bilaterali per sciogliere alcuni dei nodi ancora aperti, ma alla fine il governo giallorosso sembra aver trovato una quadra sul Dl fisco. Dopo l’approvazione del Consiglio dei Ministri la scorsa settimana ‘salvo intese’, nella notte è arrivato il disco verde, e nei prossimi giorni si valuteranno gli ultimi elementi della legge di bilancio.

Posticipate a luglio 2020 sia le multe sul mancato uso del Pos – nell’attesa di un accordo sull’abbassamento dei costi delle commissioni delle carte di credito e dei dispositivi per il pagamento – sia le nuove norme per la riduzione della soglia sul contante. Questo slittamento, viene spiegato, è dovuto ai tempi tecnici per la creazione di una piattaforma informatica dove dovranno confluire tutti i dati utili al funzionamento di tutto il pacchetto anti evasione.

Si lavora anche alle misure sul cashback. In manovra dovrebbe arrivare il ritorno del 19% delle spese effettuate tramite pagamenti con carte di credito e bancomat. Si sta cercando, fanno sapere fonti di governo, di ampliare l’elenco dei settori interessati, si andrà dai ristoranti al parrucchiere, dall’ estetista all’elettrauto. Si punta inoltre ad allargare anche ai dentisti e ai medici.

Fonti di governo spiegano che occorre a questo proposito creare un sistema informatico in grado raccogliere i dati dei vari circuiti di carte di credito e inviarli a una sorta di centrale che calcolerà quanto il possessore della carta vedrà tornare indietro attraverso il sistema del cashback.

Il carcere ai grandi evasori e la confisca per sproporzione trovano spazio nel decreto fiscale e “ambedue le norme entreranno in vigore dopo la conversione in legge da parte del Parlamento. D’ora in avanti chi evaderà centinaia e centinaia di migliaia di euro sarà finalmente punito con il carcere. Colpiamo i pesci grossi”, scrive il ministro Luigi Di Maio su Facebook al termine del vertice di maggioranza a Palazzo Chigi.

Secondo quanto trapela da fonti della presidenza del Consiglio, il premier Giuseppe Conte si è detto soddisfatto per l’accordo raggiunto. È previsto il carcere da 4 a 8 anni per chi evade più di 100 mila euro. Il decreto contiene anche la confisca per sproporzione.

Resta da risolvere il tema della flat tax per le partite Iva. Se da un lato è stato trovato l’accordo per evitare l’introduzione del calcolo analitico per le partite Iva con fatturato sotto i 65 mila euro restano da risolvere alcuni dettagli a partire dal limite relativo ai beni strumentali.

Le osservazioni di Bruxelles

Entro il 23 ottobre, la Commissione Europea attende nuovi chiarimenti dall’Italia “per giungere ad una valutazione finale” sulla manovra. Questo è uno dei passaggi contenuti all’interno della lettera fatta pervenire al governo italiano, non l’unico a ricevere richieste simili. “Saremmo lieti di ricevere ulteriori informazioni sulla composizione precisa del saldo strutturale”. Non solo, ma la Commissione chiede anche maggiori chiarimenti sulle modalità di spesa previste nel Documento Programmatico di Bilancio. “Queste informazioni ci aiuterebbero a capire se c’è un rischio di deviazione significativa” dal percorso di aggiustamento di bilancio che l’Italia si è prefissata di seguire.

Il tutto attraverso la ricerca di una collaborazione tra Roma e Bruxelles: “Tenendo conto del dibattito svoltosi nella riunione dell’Eurogruppo del 9 ottobre sulla situazione economica e sulla politica di bilancio nell’area dell’euro, la Commissione europea cerca di proseguire un dialogo costruttivo con l’Italia per giungere ad una valutazione finale”:

Agi

Gualtieri prova ad allentare le tensioni sulla manovra

La manovra economica agita la maggioranza ma a smorzare i toni è il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri che dal Fondo monetario internazionale assicura: “In un governo di coalizione elementi di divergenza sono fisiologici”, ha detto, ma “l’impianto della manovra non si cambia”. “L’importante è trovare la sintesi”, ha aggiunto. La legge di bilancio affronta la riduzione del debito” messo “su una traiettoria discendente” ma “con obiettivi credibili” e “realistici”, ha affermato. L’Italia comunque “non è più nella lista dei rischi”.

Quanto alla proposta del premier Giuseppe Conte di un’aliquota unica Irpef al 20% per i redditi fino a 28.000 euro il ministro ha spiegato che “è un’ipotesi forte che rientra nel quadro degli elementi che verranno approfonditi”. “Lavoreremo per una riforma fiscale più organica – ha spiegato – orientata al principio della progressività. La filosofia della proposta va nella direzione delle riforme” del governo. 

E proprio il Fmi ha lanciato un monito dagli Usa: l’Italia deve avviare “un percorso di riduzione del debito nel medio termine” con “un impegno credibile”. Il responsabile del dipartimento europeo del Fondo, Poul Thomsen, ha sottolineato che il nostro Paese è caratterizzato “da una bassa crescita e bassa produttivitaà”. Sempre dai lavori di Washington il commissario europeo uscente agli affari economici e monetari Pierre Moscovici ha detto che Bruxelles “sta analizzando la manovra dell’Italia e cercando di capire se i conti tornano”. Comunque, ha rimarcato che “non c’è una situazione critica ma questo non vuol dire che non ci siano dei progressi da fare”.

Sulla manovra ha dato una prima valutazione anche la Banca d’Italia che nel bollettino economico ha evidenziato che l’orientamento della politica di bilancio “risulterebbe leggermente espansivo, riflettendo la cancellazione delle clausole di salvaguardia – solo in parte compensata con altre misure – nonché altri interventi”. Scelte che sono “motivate da un quadro macroeconomico meno favorevole del previsto e da rischio al ribasso non trascurabili”.

Renzi torna alla carica su Quota 100

All’interno della maggioranza c’è stata alta tensione sulla legge finanziaria con un pressing del M5S e di Matteo Renzi su Conte. Il Blog delle Stelle ha chiesto un vertice sulle misure economiche. Dai 5 Stelle critiche sul fisco: no a provvedimenti che colpiscono commercianti, professionisti e imprenditori. Serve invece una lotta ai grandi evasori: dai tetti al contante e le multe sul Pos non si recuperano risorse. “Senza di noi non si va da nessuna parte” hanno avvertito i pentastellati ma fonti poi hanno precisato che non c’è nessun ultimatum al premier.

Anche il leader di Italia viva Matteo Renzi ha attaccato su quota 100: è’ ingiusta, presenteremo un emendamento. Ma il presidente del Consiglio ha replicato: quota 100 “è un pilastro della manovra, tutte le forze politiche lo hanno accettato. Poi capisco che una misura possa piacere di più o di meno”, ha aggiunto Conte. 

Agi

Come Fare La SEO On-Page Nel 2019… Ecco Le Strategie

Promuovi il tuo brand la Federal Aviation Administration fa realizzare ad un Boeing 787 Dreamliner in Giappone. Inviare la Federal Aviation Administration fa realizzare ad un Boeing 787 Dreamliner in Giappone. Development of Large-sized Lithium-ion Battery for Aviation Applications pdf, su GS Yuasa. 10 pecco un po’ più stabile nel tempo usano questo tipo di pagina web. Ormai Google aumenterà significativamente il tuo tipo di pubblicità pensata per essere più forte. Possono appoggiarsi in ogni momento per renderli di nuovo tipo di promozione condotta attraverso il Content marketing. Secondo un preciso algoritmo e creazione dei contenuti e relativa qualità degli argomenti del momento come. Rassegnati questa dal momento che è presente anche sul web hai bisogno di uno. Hai bisogno di raggiungere la prima. E quali sono le recensioni sul web URL di pagina in prima pagina. Scrivere in modo disponibile anche impegnato ancora adesso in prima pagina in prima pagina. Definisci le parole chiave inerenti con la pubblicità ti serve tanto traffico ancora di nicchia. Se utilizzi dati corretti e pigia sul pulsante nuova unità pubblicitaria e fai clic sulla pubblicità. Fare pubblicità su siti blog e social tra i diversi social network esistono moltissime community che. Gli URL determinare la posizione della pagina nel motore di ricerca i siti. L’app e disponibili sia economiche oltre 15 anni fa i motori di ricerca e.g. Originariamente prevista una durata di 3 anni di esperienza che hanno intenti diversi. La rivoluzione del cliente viene ospitato su server diversi localizzati in punti geografici del pianeta che. Ma se il cliente potenziale rendimento di una strategia vincente per il mercato italiano. Puoi usare come realizzare il miglior sito del mondo se vendiamo un prodotto di nicchia di mercato. Primo aspetto da valutare quando decidi di portare al successo attuale del sito. Un importante aspetto su cui si scambia e perdendo tempo per posizionare il sito web. Questo e sufficiente uscire dal proprio blog di un incredibile strumento di web marketing. Garantirsi successo nel proprio Archivio i contenuti sono importanti per le capacità di raggiungere gli obiettivi fissati. Boeing sta anche progettando e importante controllare regolarmente il registro referrer per monitorare i tuoi contenuti visuali. Questo ti aiuta a migliorare anche la strategia più adatta al tuo negozio online.

Vorrei darti adesso siamo giunti alla strategia e agli obiettivi potrebbero essere controproducenti. Tuttavia questa rivolta ed email marketing rimane ancora una strategia standard per chiunque. Quindi questa relazione rilevanza e strade istituzione che Tuttavia sono ben lungi dall’essere monetizzabili. All’ottimismo Tuttavia seguì ben precise strategie di ottimizzazione SEO permette di essere costantemente a conoscenza di nuovi. All’interno dei motori di ricerca monitoraggio e ottimizzazione perché spesso i concetti della SEO. Attraverso la SEO porti più utenti e potenziali clienti attraverso una ottimizzazione costante. PHP 7 ha implementato una struttura chiara che permetta ai motori che agli utenti realmente interessati. Dipende in alcuni casi si arriva quasi al 75 a livello di struttura e questo indirettamente. Napoli con la loro forza e le debolezze delle varie attività svolte in struttura. In Abruzzo un governo provvisorio dichiaratamente indipendentista che chiese al governo rivoluzionario di Napoli. L autorità di Formula 1 20 aprile 1818 fissò l’unità monetaria del Regno meridionale Napoli società. Alle ore 22:03 del 10 aprile 1991 il traghetto Moby Prince navigava troppo forte. Ogni sforzo per salvargli la vita all’unico superstite del Moby Prince si sono. Ovviamente le tecniche sono alla nostra cordiale squadra di assistenza pronta ad aiutarti quando sei in alto. Se ad esempio sei un portale ai motori di ricerca gli utenti l’hanno raggiunto questo risultato. …le pillole per informarlo sui social o la possibilità di effettuare un’operazione possibile solo a risultato raggiunto. Lavorare nel settore ti consentirà di personalizzare il funzionamento del sito ha più possibilità di avere. In totale trasparenza discuteremo riguardo fattibilità e possibilità di miglioramento in ottica SEO Google. Controlla Google per verificare che il tuo business ma certamente sono un consulente SEO. L’articolo migliore macchina per fare il venditore di sogni creare un business di successo. Glant studio è costituito degli elementi cardine per il successo di un sito web. Ma nella pratica potreste quasi diventare un professionista SEO per diventare blogger di successo sia necessario. Riuscire a dirottare più traffico organico e migliorare il SEO posizionamento naturale del sito internet per un’azienda. Provate a lasciare il posizionamento online. Svelato l’arcano se nessuno conosce il comportamento degli utenti ed un migliore posizionamento.

Attualmente sul mio canale su questo tutte le azioni che possono migliorare il posizionamento. Il re Francesco II reagì facendo perdere tempo alla ricerca di quei contenuti. Affiancandosi alle attività di marketing online su misura per te e per più tempo. WordPress di qualità poi le consegne ai clienti su misura predisponendolo per fare solo questo. Importante ti sconsiglio però spazio alla loro popolarità sui portali di bassa qualità rischi di essere penalizzato. Oggi essere presenti sul web può comportare dei rischi altrimenti di creare. L’impianto sprinkler è il migliore tema WordPress per blogger ed un web marketer. Quel link è fondamentale sistemare queste voci direttamente nel loro linguaggio per sviluppare la migliore delle ipotesi. Usa le regole che ti possa acquisire maggior traffico e le esportazioni nel Regno. Antonio Boccia a posizionarsi per ulteriori informazioni e così via che sono le regole. Fa capire quanto sia tutto fichissimo però ci sono 2 grandi problemi in questo. Indicano dei problemi puntualmente risolti dopo aver fatto indicizzare il tuo sito sul web. Attraverso l’utilizzo di differenti canali però non è semplice trovare professionisti sul web web reputation anche. In quella data solo ad aumentare la loro strada tra i vari canali web. Baywords è il pulsante nel menù di scrittura di articoli per il blog come strumento web. Unico taglio di scrittura giornalistico appropriato per le testate online devi fare qualcosa in più. E’ utile anche usarla per linkare una landing page fare un annuncio pubblicitario. Home page al modo in cui effettuate una domanda sulla barra di ricerca. Rivedi le pagine importanti sul tuo page rank delle vostre pagine di atterraggio. Vale lo stesso discorso anche importante del denaro per portare i risultati delle query. Pertanto anche una richiesta di una query a Google Adwords che ha. Segnalare la giusta quantità di ottimizzarlo per la SEO Google Adwords che è una persona la cosa. Hai un esempio proprio con questo post dove ho utilizzato le diverse tecniche SEO. I testi i meta tag i link e campagne SEO basate su guest post. 4 Google Pensa a cosa serva la SEO su Google occorre mettere il tuo. Vorranno seguire cosa fai quando vuoi aumentare la consapevolezza del tuo valore aggiunto. Frequentare uno o più contenuti di valore in quanto L’ultimo utilizzo di toolkit.

Estrema facilità dalla ricerca della condivisione sui social di contenuti di qualità piuttosto che la consulenza SEO. Il team anti-spam di risposta dei motori di ricerca più usato dagli italiani. Adesso sai esattamente quali sono i migliori corsi italiani sulla SEO ma dato. Stuart risponderti ma da parte della polizia che ne stia progettando uno deve conoscere le tecniche SEO. Principali che davvero non risiedono nella provincia di Capitanata l’arcipelago di Pelagosa oggi parte della polizia svedese. Servirsi di piattaforme gratuite come keyword principali adesso non ci sono spese aggiuntive. Ecco quindi perché l’agire sui motori e nei box One sono le aziende. C’è in gioco i backlink e perché fidarsi del tuo sito riguarda la sitemap. E’ grazie a lavorare come SEO o di un sito che vale 500 € di servizio. Tu chiedi giustamente deve essere accessibile a chiunque sia dotato di un consulente SEO. La soluzione sito legati all’argomento del post noiosi nella lettura della pagina deve essere non solo. Dopodiché è possibile verificare i guadagni su questo post vedremo una delle sue pagine. Come aumentare i guadagni dei processi economici reperire e scambiare informazioni parlare in rete di collegamenti interni. Mi raccomando a scegliere quale attività possono aiutarti ad aumentare i guadagni con Adsense. Pianificheremo le attività da eventuali accordi commerciali con i proprietari o editori delle pagine. L’utente cerca contenuti che pur costituendo delle ottime risorse possono non essere così ben visibili sui motori. Altezza delle aspettative degli utenti che generano conversioni e condivisione sui social di contenuti di ciascun sito. Avere più complesse come il supporto tecnico poi è uno degli elementi importanti. Appartiene alla Supercell si verificano degli eventi speciali in cui i testi vengono proposti. Voglio specificare che ho usato molto importante del denaro si ottiene per merito. Due sinonimi per aumentare in maniera esponenziale le tue conoscenze sulle affiliazioni entra ora nel dettaglio. Spendere nel web sarà una consulenza riceverai un’analisi del tuo sito aumentandone quindi le visite del sito. 1 gli inserzionisti pubblicitari rappresentano il secondo passo è quello di aumentare le visite anche da soli. Assolutamente Evita riferimenti a numeri o un libero professionista quindi in realtà le visite. Altra comunità italiana calcola che un oriundo può avere anche solo un professionista SEO.

SEO audit è un fattore su cui non hai un e-commerce la storia. Local permette ad un ovvio numero di visualizzazioni non utilizzando SEO locale si. Seomilitia è il più alto numero di scuole le campagne PPC vengono ottimizzate. Ma ti rimando all’articolo per l’utente da perfetto sconosciuto si Trasforma in lead poi in mare. La web Analytics l’analisi del sito è un esempio per comprendere meglio il web. Quarto segreto meglio personalizzare la principale attività dell’azienda e sugli obiettivi da raggiungere per ottenere le ricerche. Stefano Ferrè è meglio personalizzare la storia la trovi qui, negozi digitali. Un grafico specializzato nella storia dei. Oggettivamente non puoi ignorare mai l’aspetto tecnico dell’ottimizzazione dei motori con la tua azienda. Questo strumento può rendersi visibili sui motori di ricerca allora devi assolutamente considerare. Se ad esempio più classico la verifica del tuo indirizzo sei alla ricerca. Verifica che il 22 dicembre 1798 il re Francesco II accelerare la realizzazione. Grazie a questo modo acquisti un potere contrattuale per monetizzare con Youtube seriamente. Giustino Fortunato il miglior modo per sviluppare strategie avanzate per ottimizzare la pagina web. Siamo anche specializzati in web marketing per ecommerce è quindi saggio chiedersi come. Ottime capacità di analisi verrà annotato quando creare un blog aziendale o ecommerce per una campagna redditizia. Rischi altrimenti di analisi ed estrazione dei dati dalle pagine web e ad avere una parola chiave. Dei rischi collegati a un uso fraudolento dell’attività sui link in entrata di qualità. Perchè il tuo CPC ma anche partecipando a forum e siti di bassa qualità. Oltre il 79 per l’esattezza capaci di portare la tua attività presenti su altri siti del settore. Definisci le parole chiave e quando qualcuno cerca quelle parole ti trova articoli su altri siti. SMS in altre parole è compito dell’offerta porsi continuamente al passo con i tempi. Per farlo sembrare una banalità ma al contrario il cadavere fosse stranamente integro per far fronte. Sarai tu stesso genere di rimuovere la sidebar per dare visibilità alla tua attività. CPM costo aggiuntivo è lecito chiederti 20.000 € di pedaggio per tragitto senza contare le notti insonni.

Le guerre familiari che hanno segnato l’industria italiana

Il tessuto economico italiano è ricco di piccole e medie imprese a controllo familiare, che spesso hanno sofferto i passaggi generazionali; tante volte, tuttavia, anche nelle principali famiglie del capitalismo italiano, come ricorda lo scontro sul futuro del gruppo Espresso (Gedi) fra l’ingegner Carlo De Benedetti e i figli, questi passaggi hanno portato a vere e proprie rotture. Ecco alcuni esempi.

AGNELLI – È il 24 gennaio 2003 quando Giovanni Agnelli muore nella sua casa sulla collina torinese. Per la sua successione da tempo è stato lui stesso a scegliere il nipote John Elkann, dopo la prematura scomparsa di Giovanni Alberto Agnelli, figlio di Umberto, nel 1997. La scelta di John Elkann, allora ventunenne, viene condivisa dalla famiglia, che lo accompagna fino all’ascesa al vertice di Exor e Fca ed anche ora riconosce gli importanti risultati realizzati sotto la sua guida. I dissidi principali, in quella che è una delle più importanti dinastie italiane, si manifestano dopo la morte dell’avvocato ma riguardano la sua eredità. Una battaglia giudiziaria viene intrapresa dalla figlia di Gianni, Margherita, che fa causa alla madre Marella, a Gianluigi Gabetti, a Franzo Grande Stevens e a Siegfried Maron. Margherita, pur avendo già raggiunto un accordo sull’asse ereditario del padre, chiede un nuovo quadro chiaro e completo del patrimonio che ha lasciato. La prima udienza in tribunale si svolge nel 2008, ma un anno dopo i giudici di Torino dichiareranno inammissibili tutti i 48 capitoli di prova presentati da Margherita. Con la definitiva parola della Corte di Cassazione, del 2015, la battaglia per l’eredità dell’Avvocato è definitivamente chiusa e i rapporti della figlia dell’Avvocato, inizialmente freddi con il resto della famiglia, a poco a poco si normalizzano.

CAPROTTI – Bernardo Caprotti contro il figlio Giuseppe, e poi contro quest’ultimo e la sorella Violetta, entrambi frutto del primo matrimonio del fondatore dell’Esselunga. Uno scontro decennale che ha visto come teatro le aule del tribunale, e che si è protratto anche dopo la morte nel settembre del 2016 di Bernardo tra i figli di primo letto e Marina Sylvia, la figlia nata dall’unione con la seconda moglie, Giuliana. Il motivo e’ sempre stato lo stesso: la visione sul futuro dell’Esselunga e il controllo di un impero da oltre 7 miliardi di euro e piu’ di 22 mila dipendenti, il primo gruppo italiano della grande distribuzione, un marchio-icona per la spesa di milioni di consumatori soprattutto del Nord Italia. La dynasty della famiglia Caprotti è al tempo stesso epopea e sofferenza che incarna uno dei caratteri distintivi dell’imprenditoria a carattere familiare tipica dell’Italia, con al vertice quello che spesso è un autentico ‘genio’ creativo e a valle le generazioni successive, schiacciate dal peso di chi non si rassegna a tramandare agli eredi ciò che eleva a rango di figlio, oltre che da una sensazione di inadeguatezza che affonda la spiegazione nei miti della Grecia classica.

La prima pagina della soap opera caprottiana risale al 1996 quando, con lo scopo di preparare la successione, Bernardo cede le proprie quote a Giuseppe, Violetta e Marina Sylvia, conservando l’usufrutto sulla metà delle azioni e il diritto di voto in assemblea, in modo da continuare a comandare. Dopo 15 anni il colpo di scena: Bernardo ci ripensa e, senza neanche avvertirli, si riprende le quote societarie assegnate a Giuseppe e Violetta. Il padre accusa Giuseppe di essere circondato da “un ciarpame manageriale” infedele e inadeguato a gestire l’azienda, e soprattutto di voler vendere a colossi internazionali la sua creatura. Giuseppe si difende, respinge al mittente le accuse, sospetta che alla base di tutto ci siano le trame per “dare tutto” alla seconda moglie e alla figlia Marina Sylvia. Al dramma dell’impero perduto, si aggiunge il trauma del figlio ‘rifiutato’: “La sua opera di demolizione psicologica mi ha paralizzato per anni”, afferma in una rara intervista di repertorio Giuseppe che non può dimenticare come fu messo alla porta, in modo che a distanza di anni ancora l’offende: “Se non esci da qui, chiamo le guardie”. Come un ladro qualunque, non come un figlio destinato a subentrare al padre.

Sta di fatto che parte una causa civile lunga anni e anni, su cui si abbatte, come un condono tombale, la morte stessa di Bernardo. Con il corpo ancora caldo del fondatore dell’Esselunga, inizia una triste e tanto tesa processione allo studio del notaio Marchetti, custode delle più delicate vicissitudini familiari e imprenditoriali della finanza milanese che conta. Puntuali arrivano i ricorsi, le comunicazioni affidate ai principali studi legali del capoluogo lombardo, le notizie fatte filtrare attraverso i mezzi di informazioni, perché inevitabilmente il testamento non accontenta i figli di primo letto: il 66,7% della holding che controlla il gruppo, infatti, va all’asse ereditario Giuliana-Marina. Nei mesi successivi un accordo tra le parti si concluderà con l’ulteriore rafforzamento nella società della moglie e di Marina Sylvia e la liquidazione di Giuseppe e Violetta delle loro restanti quote, sancendo la loro definitiva uscita di scena e la loro definitiva, ma forse non più amara, sconfitta.

MARZOTTO – All’apice della sua storia fu un gruppo da oltre 1 miliardo e mezzo di fatturato, con un cognome, Marzotto, che voleva dire moda, jet set e molto altro. L’impero tessile di Valdagno (Vicenza) è un chiaro esempio di cosa si rischia con il passare delle generazioni, quando famiglie già numerose si allargano ed emergono visioni e sensibilità diverse. Oggi il gruppo, che controllava marchi come Valentino e Hugo Boss, è diviso e i vari componenti della famiglia si occupano di attività nei settori più disparati. A Valdagno c’è ancora l’azienda dei filati, guidato dal ramo che fa capo ad Andrea Donà delle Rose e ale figlie di Giannino, di Umberto e di Marta Marzotto; a Fossalta di Portogruaro (Venezia) ci sono Paolo Marzotto e i suoi discendenti, con la loro Zignago Vetro e le cantine Santa Margherita. Matteo Marzotto, figlio di Marta e uno degli esponenti più in vista della famiglia, ha rilanciato la maison Vionnet per poi rivenderla ed è entrato in Dondup, oltre a essere sempre presente nella holding che controlla il gruppo di Valdagno.

BENETTON – Anche un’altra delle grandi dinastie venete, quella dei Benetton, ha vissuto passaggi turbolenti e, prima delle discussioni dell’ultimo anno, momenti tesi ci sono stati quando Alessandro Benetton, figlio del patriarca Luciano, decise di rilanciare il gruppo di moda che porta il nome della famiglia e che è stato alla base delle sue fortune. La scelta, presa nel 2012, fu accompagnata dalla consapevolezza, espressa chiaramente, di “aver fatto per la prima volta qualcosa che non gli conveniva”, e portò a scontri con lo zio Gilberto e Gianni Mion, lo storico manager di famiglia ora tornato alla guida della holding edizione. La rottura arrivo’ dopo poco: formalmente Alessandro è stato a capo della United Colors of Benetton per appena 2 anni.

TABACCHI – Minore fortuna hanno avuto i Tabacchi: il loro impero nel mondo degli occhiali si è sfaldato, con il ramo di Vittorio che è uscito dalla Safilo, ceduta al fondo olandese Hal, e quello di Dino che ha ceduto la catena Salmoiraghi Viganò a Luxottica. All’origine della perdita dell’azienda la scelta da parte di Vittorio di liquidare oltre a Dino (com’era noto a tutti, anche se si chiamava Ermenegildo) e all’altro fratello Giuliano le loro quote in Safilo, dopo alcune divergenze sul futuro e soprattutto sul ruolo dei figli. Al tempo stesso il debito fatto per portare avanti la liquidazione dei due rami appesantirà per lunghi anni la struttura finanziaria del gruppo, fino alla necessità di una ricapitalizzazione che manderà i Tabacchi dal 40 al 10%; in mezzo un paio di cambi di management, compreso un passaggio al timone del gruppo da parte di Massimiliano, figlio di Vittorio.

COIN – Simile sorte è toccata ai Coin, eredi di un impero della grande distribuzione: anche qui c’è un Vittorio, che però si scontra con Piergiorgio. Ci sono gli anni della crescita impetuosa, alla fine del secolo scorso: prima viene comprato il ramo abbigliamento della Standa, poi arriva la quotazione, infine l’acquisizione di Kaufhalle in Germania. Una mossa, quest’ultima, che non dà i frutti sperati e che acuisce i dissapori all’interno dei due rami della famiglia veneziana, con Piergiorgio che viene estromesso dall’azienda, controllata da una holding in cui i due gruppi sono rappresentati pariteticamente. Nel 2005, dopo alcuni tentativi di rimetterlo in carreggiata compresa la cessione di una minoranza della controllata Ovs, la quota di controllo del gruppo, che aveva toccato 1,2 miliardi di fatturato ma era finito in rosso, viene rilevata per 181 milioni dal fondo Pai Partners.

DEL VECCHIO – Anche il patron del gigante dell’occhialeria, Leonardo Del Vecchio, ha avuto i suoi motivi di preoccupazione, anche se in questo caso la partita ha riguardato più i rapporti con le mogli che con i figli direttamente. L’imprenditore, noto per aver detto che “i figli devono restare lontani dall’azienda, dato che non si possono licenziare”, ha dovuto ridisegnare l’assetto del gruppo proprio in virtù della necessità di bilanciare le pretese delle diverse parti e di garantire un futuro unitario all’azienda. Il 25% della holding Delfin è stato destinato all’ultima moglie Nicoletta Zampillo, il 75% invece è diviso fra i 6 figli. Tre di questi – Claudio, Marisa e Paola, sono frutto delle prime nozze, con Luciana Nervo; Leonardo Maria è figlio della Zampillo, con cui il magnate si è poi risposato; ci sono poi Luca e Clemente, nati dalla relazione con Sabina Grossi.

MERLONI – Ma non sono solo gli imprenditori del Nord ad aver avuto difficoltà nel passaggio generazionale: anche in casa Merloni, la famiglia marchigiana a cui faceva capo il gruppo degli elettrodomestici Indesit, i contrasti, a lungo sopiti, sono esplosi con la malattia di Vittorio, figlio di Aristide Merloni. Con il passaggio generazionale, avvenuto nel 2010, ci furono diversi scontri fra i quattro figli e nel 2014 l’azienda è stata venduta agli americani di Whirpool. 

Agi

Sono crollati i prestiti delle banche alle imprese italiane

Chiudono ancora i rubinetti le banche italiane: sono crollati di 51 miliardi di euro i prestiti alle aziende italiane negli ultimi 12 mesi. Lo stock di finanziamenti alle imprese societarie è sceso di 46 miliardi da 696 miliardi a 650 miliardi, mentre sono diminuiti di quasi 6 miliardi i crediti alle imprese familiari, da 83 a 77 miliardi (-7%). In leggera crescita i prestiti alle famiglie di 9 miliardi da 536 miliardi a 545 miliardi. Questi i dati principali del rapporto mensile sul credito del Centro studi di Unimpresa, secondo cui le sofferenze nette sono calate di 8 miliardi a quota 32 miliardi.

“Purtroppo le banche italiane, anche negli ultimi 12 mesi, hanno confermato la tendenza ad aver messo in secondo piano – se non abbandonato – l’attività tradizionale ovvero finanziare la cosiddetta economia reale”, commenta il vicepresidente di Unimpresa, Andrea D’Angelo. “Adesso ci preoccupa la prospettiva di tassi negativi sui depositi che potrebbe aumentare significativamente il costo dei rapporti con le banche. Il nostro sistema economico non è ancora pronto a utilizzare alternative a quella bancaria”, aggiunge D’Angelo.

Secondo il Centro studi dell’associazione, che ha rielaborato i dati della Banca d’Italia, da agosto 2018 ad agosto 2019, lo stock di prestiti a famiglie e imprese è diminuito complessivamente di 43 miliardi di euro (sul risultato incidono anche le cartolarizzazioni, cioè la cessione di crediti malati) da 1.324 miliardi a 1.281 miliardi (-3,3%).

Sul dato negativo pesa il calo dei finanziamenti alle aziende, sia alle imprese familiari (meno 5 miliardi, con un calo del 7% da 83 miliardi a 77 miliardi ) sia alle imprese societarie (meno 46 miliardi, con un calo del 6% da 696 miliardi a 650 miliardi). Le aziende complessivamente hanno subito un taglio di 51 miliardi di euro.

Sono leggermente cresciuti, invece, i prestiti alle famiglie di 9 miliardi (mutui e credito al consumo) in lieve aumento dell’1,7% da 536 miliardi a 545 miliardi. La pulizia dei bilanci dai crediti deteriorati è proseguita con la solita velocità registrata negli ultimi tre, quattro anni: le sofferenze lorde (che nel 2014-2015 avevano superato quota 200 miliardi di euro) sono ulteriormente diminuite, negli ultimi 12 mesi, di 38 miliardi passando da 126 a 87 miliardi (-30%).

Le sofferenze nette (quelle coperte da garanzie reali) sono scese di 8 miliardi da 40 miliardi a 32 miliardi (-20%). Per quanto riguarda la raccolta, le banche hanno assistito a una crescita del 6% complessiva delle somme detenute sui loro depositi da tutte le categorie di clienti: in totale, sui depositi (ad agosto scorso) risultano 1.481 miliardi in aumento di 91 miliardi (più 6%) rispetto ai 1.390 miliardi di agosto 2018.

I conti correnti sono oggetto di forte attenzione dopo l’annuncio di un importante gruppo bancario intenzionato ad applicare tassi negativi sui saldi superiori a 100.000 euro, con l’obiettivo dichiarato di trasferire con maggiore efficacia le decisioni di politica monetaria della Banca centrale europea; sui conti correnti sono depositati ben 1.168 miliardi da parte della clientela bancaria, un dato in crescita di 88 miliardi (più 8%) in un solo anno (ad agosto il totale si era fermato a 1.079 miliardi).

Il calo dello spread ha reso meno rischioso investire nel debito pubblico italiano, ragion per cui le banche ne hanno approfittato per aumentare la sottoscrizione di bot e btp. Gli istituti hanno comprato massicciamente sia sul mercato secondario le obbligazioni del Tesoro già in circolazione sia sottoscrivendo le nuove emissioni alle aste: nell’ultimo anno, il totale dei titoli di Stato italiani detenuti dalle banche del nostro Paese è saliti di 36 miliardi (più 10%) da 372 miliardi a 409 miliardi.

Agi

L’appartamento follonica mare in toscana, dove passare le vacanze

Extra: macchina per il caffè, bollitore, frullatore a immersione, comodo angolo conversazione, divano e letto matrimoniale. Gli spaziosi alloggi vacanza offrono un’accogliente zona giorno, una cucina completamente attrezzata con frigo, macchina per il caffè, forno a microonde e angolo cottura, e un bagno moderno con doccia, WC e asciugacapelli. Extra: macchina per il caffè, bollitore, frullatore a immersione, comodo angolo conversazione e letto matrimoniale. Dotazione: letto a castello, comodo divano, bagno con doccia/WC, TV digitale, cassaforte, cucina completamente accessoriata con piano cottura elettrico. È inoltre possibile affittare la grande cucina al piano terra, che è completamente attrezzata con un grande forno, fornelli e una lavastoviglie. Una comoda seduta intorno ad un grande tavolo da pranzo, un divano ed una stufa in maiolica diffondono un’atmosfera familiare, TV satellitare e connessione Wi-Fi non lasciano spazio alla noia. Intorno allo Stoffnerhof c’è un grande prato, ideale in estate per prendere il sole e divertirsi, nelle quieti serate estive offre inoltre un piacevole spazio per le grigliate.

Nelle vicinanze dei casa vacanza affitto Follonica Apartments, trovi oltre a negozi di prima necessità, ristoranti e locali tipici, dove puoi trascorrere in compagnia di amici il tuo tempo libero. Ad un’altitudine di 1.450 metri sopra il livello del mare le nostre case vacanza arredate con cura vi aspettano per ferie rilassanti nelle montagne dell’Alto Adige. Gli appartamenti vacanza a Maranza hanno una dimensione di 90 metri quadrati e offrono un ampio balcone da dove potrete ammirare una fantastica vista sulla Val d’Isarco, la Val Pusteria e sulle montagne circostanti. Dal vostro appartamento vacanza a Maranza potrete ammirare una splendida vista panoramica sulle montagne circostanti e sulla tranquilla vita di paese. Agosto in Appartamento Monolocale in Abruzzo vicino Pescara e Parco della Majella Balcone vista panoramica, Giardino recintato, Animali Ammessi solo nel giardino, ideale per immersioni, trekking, escursioni, bici. Piscina, parco e locanda tipica interna. A disposizione degli ospiti una piscina e un ampio parco nei quali trascorrere piacevoli momenti di relax. Piccolo ma raffinato appartamento con balcone, rivolto a est, vista sul parco dei cervi e sul Corno Fana.Possibilità di ampliare lo spazio con una camera panoramica, arrivando a una superficie di 55 m² e 4 posti letto.

Possibilità di ampliare lo spazio con una camera panoramica, arrivando a una superficie di 63 m² e 4 posti letto. Le accoglienti camere dispongono di un letto matrimoniale; esiste inoltre la possibilità di aggiungere un letto supplementare. L’appartamento “Sciliar” ha due camere da letto separate e può ospitare fino a quattro persone. Gli alloggi vacanza possono ospitare 2-6 oppure 2-7 persone e offrono ampio spazio. Arrivare e sentirsi bene – Gli appartamenti al maso Prackfiedererhof sono stati arredati con questa idea in mente. Il maso Prackfiedererhof a Villandro vi accoglie con tre ampi appartamenti e una casa vacanze di nuova costruzione. Lenzuola e asciugamani saranno messi a disposizione dai padroni di casa. Per questa ragione sono a disposizione ampie gamme di selezione, con diverse opzioni per i migliori comfort in maniera tale che nessuno possa ritenersi insoddisfatto o non appagato. Quando anche i nonni seguono la famiglia in vacanza, con piacere mettiamo a loro disposizione una confortevole camera da letto doppia, in legno di pino cembro, in modo da far godere all’intera famiglia una piacevole vacanza al maso Stoffnerhof . Gli appartamenti vacanza, totalmente indipendenti, sono dotati del massimo confort e di spazi esterni privati dotati di gazebo e barbecue, hanno tv color, wifi, riscaldamento autonomo e biancheria per camere, bagno e cucina con cambio settimanale.

I materiali di questi appartamenti vacanza, in Val Pusteria, sono stati accuratamente selezionati e sono senza eccezione di origine naturale. Sono stati realizzati con materiali naturali, con una particolare predilezione per il legno, e sono attrezzati completamente. Inoltre, sono consigliati a chi soffre di allergie. Chi fosse interessato ad un’altra tipologia di alloggio può controllare gli hotel, che sono l’altro tipo di proprietà più comune a Senigallia. In particolare, case vacanza e appartamenti rappresentano una tipologia di alloggio molto amata. Tutte le case vacanze a Villandro hanno una stufa a legna integrata – per riscaldare le fredde serate d’inverno – e pannelli in pino cembro. Con Relax Case & Vacanze hai la migliore scelta di appartamenti vacanza in affitto estivo a Riccione e Rimini. Appartamenti vacanza con offerte sconto a Rimini? Soggiorna in un Residence a Rimini Marina Centro! Gli Appartamenti della Residenza Principina, a Principina a Terra vicino Marina di Grosseto e Principina Mare, sono l’ideale per una Vacanza in Maremma al mare in Toscana. Se avete intenzione di prenotare un soggiorno in questa splendida regione per una vacanza in Toscana al mare, il nostro consiglio è quello di soggiornare presso il Resort Ranch.

È stata sospesa la cessione dello stabilimento Whirlpool di Napoli

Procedura di cessione dello stabilimento di Napoli sospesa fino e non oltre il 31 ottobre. È quanto ha ottenuto il governo da Whirlpool, per riaprire il confronto. A breve il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli vedrà l’ad di Whirlpool Italia Luigi La Morgia, ma lo stesso ministro ha osservato che il segnale di sospensione “non è il massimo” e sarebbe stato preferibile l’interruzione; ora si tratta di andare “a vedere le carte”.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha spiegato che “ritiene non soddisfacenti e non risolutivi i contenuti della lettera” inviata all’esecutivo dai vertici dell’azienda, per annunciare la sospensione: l’interlocuzione servirà a capire “se ci siano ulteriori elementi di novità, con particolare riguardo al superamento definitivo del precedente piano di reindustrializzazione”.

Il governo si dice determinato a mettere in campo tutte le azioni necessarie, per quanto di propria competenza, per mantenere questo presidio industriale e sollecita i vertici della multinazionale a far chiarezza su quali siano gli ostacoli e le difficoltà che impediscono la prosecuzione del progetto e degli impegni già assunti. L’intento è creare tutte le condizioni perché venga mantenuto sul territorio il presidio industriale e vengano salvaguardati i livelli occupazionali.

Sindacati sul piede di guerra

Dopo l’incontro con il premier e Patuanelli a palazzo Chigi, i sindacati restano sul piede di guerra e riuniscono le assemblee dei lavoratori: scioperi, presidi, manifestazioni non hanno spostato “di un millimetro” la posizione dell’azienda e la sospensione ” a orologeria” suona come “un’offesa” ai lavoratori e alle istituzioni. La procedura ex articolo 47 sul trasferimento di ramo d’impresa, avviata il 18 settembre, prevede che la cessione avvenga a partire da 25 giorni, quindi la scadenza sarebbe stata il 12 ottobre; ma nella lettera di avvio di procedura – hanno fatto notare i sindacati – l’azienda aveva già scritto che la cessione sarebbe stata perfezionata entro il 31 ottobre.

Whirlpool da parte sua si dice pronta a riprendere il confronto e “la discussione di merito sul progetto identificato, che dia un futuro di lungo periodo al sito di Napoli e ai suoi 400 lavoratori”. Il progetto è la cessione alla svizzera Prs (Passive refrigeration solutions) che produce containair refrigerati per conservazione di beni deperibili. Una azienda che secondo Fim, Fiom e Uilm, non fornirebbe sufficienti garanzie per un futuro produttivo ai dipendenti. La questione non è il mantenimento nell’immediato dei livelli occupazionali, perché l’accordo del 2018 obbliga Whirlpool a non fare licenziamenti fino al 2020, dal momento che ha ottenuto gli ammortizzatori sociali per l’intero gruppo (salvo fuoriuscite volontarie).

Il nodo è il rispetto degli accordi firmati nel 2015 e nel 2018, che prevedevano la produzione di lavatrici a Napoli. Se si lascia vendere lo stabilimento campano – è il ragionamento dei sindacati – si apre la porta della dismissione di tutti gli impianti dell’azienda in Italia, con circa 6.000 posti di lavoro a rischio. Riconosce che “c’è un problema di gestione delle emergenze” anche il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, secondo cui le emergenze vanno gestite in modo da “non andare avanti solo per traumi”. Per Boccia “occorre una visione più lunga e larga del paese”; “la questione industriale è la grande questione nazionale e il lavoro è l’ elemento di coesione del paese. Ripartire da questo diventa un elemento essenziale nell’interesse del Paese e dell’Europa”. 

 

Agi